Case popolari, come fare domanda: i requisiti obbligatori

Tutti possono avanzare domanda per avere accesso ad una casa popolare, tuttavia solo chi possiede questi specifici requisiti verrà preso in considerazione. 

case popolari requisiti obbligatori
Case popolari: i requisiti obbligatori (Codiciateco.it)

Ci sono dei requisiti obbligatori da soddisfare per poter essere inseriti in graduatoria: chi ottiene il miglior punteggio si vedrà assegnata una casa popolare. Si tratta di abitazioni pubbliche riservate a persone o nuclei familiari con redditi bassi o condizioni di disagio economico. La loro gestione è in mano agli enti locali o enti appositamente designati.

Possono essere mantenute tramite il pagamento di un canone inferiore rispetto alla media prevista dal mercato. Per potervi accedere, bisogna seguire un iter che inizia con l’invio della domanda e la presentazione della documentazione necessaria, e prosegue con un processo di valutazione da parte delle autorità competenti. Tra i documenti da presentare saranno richiesti una copia del documento d’identità, la marca da bollo dell’importo prestabilito dall’ente pubblico e l’ISEE-ERP. Quest’ultimo non equivale all’ISEE classico: per l’assegnazione di un alloggio popolare viene considerato il reddito al netto dell’IRPEF.

Case popolari, requisiti e reddito da avere

case popolari requisiti obbligatori
Come ottenere una casa popolare (Codiciateco.it)

Il reddito da presentare per poter ottenere una casa popolare varia in base alla Regione d’appartenenza. Tra i requisiti obbligatori rientrano sicuramente: non essere proprietari di altri immobili o titolari di diritti su altri immobili o parti di essi; si può essere proprietari di un immobile ma non deve essere adatto ad ospitare una famiglia, dunque inadeguato per soddisfare le proprie esigenze (ad esempio, si possiede un monolocale e un nucleo familiare di sei persone); non bisogna aver subito uno sfratto da un’altra casa popolare nel corso degli ultimi cinque anni o averne occupate abusivamente; si deve risiedere nel territorio comunale.

Cittadini italiani o stranieri in possesso di regolare permesso di soggiorno possono avanzare richiesta e partecipare alla selezione per ottenere un alloggio popolare se soddisfano i requisiti stabiliti dalle autorità locali. Bisogna inoltrare la domanda allo stesso ente che ha emesso il bando. Può trattarsi del Comune di residenza, della Provincia o della Regione. Qualora si superasse il processo di selezione, si verrà inseriti in graduatoria e, se si avrà un numero sufficiente di punti, quando verranno costruiti nuovi alloggi o quando se ne libereranno di esistenti, l’ente che li gestisce provvederà all’assegnazione. Scopri invece come risparmiare 2000 euro se hai casa in affitto.

Impostazioni privacy