Se il datore di lavoro non ti ha pagato la tredicesima puoi fare questo e ottenere subito i soldi

Quando il proprio datore di lavoro non procede al pagamento della tredicesima si può agire in questo modo e ottenere subito quanto spetta.

La tredicesima è una mensilità aggiuntiva che generalmente è erogata dal datore di lavoro ai lavoratori dipendenti, durante il mese di dicembre e dunque in concomitanza con l’arrivo delle festività natalizie. Ciò detto però può capitare che questa non venga pagata.

Cosa fare se il datore di lavoro non paga tredicesima
La tredicesima è una mensilità aggiuntiva erogata durante il mese di dicembre – Codiciateco.it

In questo caso, in molti si chiedono come bisogna agire per ottenere quanto spettante. Alla luce di ciò, di seguito andremo ad approfondire l’argomento soffermandoci su quelli che sono gli strumenti in possesso del lavoratore dipendenti per ottenere il versamento della mensilità aggiuntiva in questione.

Tredicesima, cosa fare se non viene pagata

Come già detto all’inizio dell’articolo, in genere l’erogazione della tredicesima mensilità si verifica a dicembre, in concomitanza con le festività natalizie. Questa mensilità aggiuntiva è prevista a carico del datore di lavoro a patto chiaramente che sia prevista dal contratto di lavoro. Purtroppo, può capitare che nonostante la sua previsione, il datore di lavoro non proceda al versamento della mensilità in questione e per questo è bene sapere come agire.

Cosa fare se il datore di lavoro non paga tredicesima
Il lavoratore ha diversi strumenti per chiedere l’erogazione della tredicesima – Codiciateco.it

Tanto per cominciare, può essere utile sapere che il lavoratore ha a disposizione diversi strumenti per chiedere il pagamento della tredicesima. Inizialmente, infatti, può procedere ad un sollecito di pagamento in maniera del tutto autonoma o rivolgendosi ad un sindacato. A tal proposito, può rivelarsi utile sapere che si hanno 3 anni di tempo per agire in tal senso, in caso contrario il lavoratore perde automaticamente il diritto alla tredicesima eventualmente non corrisposta.

Ad ogni modo, qualora questo tentativo non dovesse essere sufficiente ai fini dell’ottenimento della mancata mensilità aggiuntiva, allora l’interessato può fare ricorso alle vie legali. In tal caso, l’azienda in questione avrà tempo 40 giorni per procedere al versamento della mensilità aggiuntiva spettante al lavoratore.

Per quanto concerne le sanzioni previste in capo al datore di lavoro nel caso in cui non procedesse all’erogazione della stessa, tra queste c’è la possibilità per il lavoratore dipendente di licenziarsi per giusta causa. Ancora, la legge prevede anche la perdita delle agevolazioni stabilite dalla normativa.

In poche parole, nel caso in cui sia prevista dal contratto di lavoro, la legge prevede la possibilità al lavoratore di agire per vie legali nel caso in cui non venga erogata dal datore di lavoro. La tredicesima mensilità, difatti, costituisce un importante beneficio previso in aggiunta allo stipendio normale e che consente a molte famiglie di affrontare le spese connesse al Natale con maggiore tranquillità.

Impostazioni privacy