Sbaglio nella raccolta differenziata: a quanto ammonta la multa

Commettere un errore nella raccolta differenziata comporta una sanzione pecuniaria piuttosto importante: è sbagliato credere che non se ne accorgerà nessuno!

multa per errore nella raccolta differenziata
A quanto ammonta la sanzione se sbaglio nella raccolta differenziata? (Codiciateco.it)

Gestione Ambientale ha voluto condividere quanto successo a Novi Ligure, una città in provincia di Alessandria, per un errore banalissimo commesso nella suddivisione dell’immondizia per la raccolta differenziata. L’episodio deve servire da avvertimento a tutti quanti: credere di poter commettere uno sbaglio in fase di smaltimento dei propri rifiuti domestici e passarla liscia, è più che ingenuo. Coloro che verranno scoperti saranno oggetto di una multa piuttosto salata.

Effettuare correttamente la divisione dei rifiuti è un impegno che va accolto seriamente. E’ necessario porre attenzione e senso civico in quel che si fa: benessere rivolto all’ambiente circostante significa benessere dell’intera comunità e, di conseguenza, del singolo individuo.

Sanzione pecuniaria per errori nella raccolta differenziata

multa per errore nella raccolta differenziata
Errori commessi nella raccolta differenziata: quale multa ottengo? (Codiciateco.it)

La sanzione applicata ricade tanto sul trasgressore quanto sull’eventuale condominio e sull’amministratore. Sono diversi gli sbagli che possono essere commessi in relazione alla raccolta differenziata e per ognuno di essi varia l’importo della multa. Tra le principali violazioni abbiamo l’errore dei giorni e degli orari per la raccolta; l’uso dei bidoni condominiali per gettare materiali diversi da quelli per cui sono stati predestinati; l’abbandono dell’immondizia al di fuori dei bidoni; l’uso di sacchetti non idonei; la mancata chiusura del sacchetto; il deposito di rifiuti ingombranti o speciali; il danneggiamento dei bidoni.

La legge statale sui rifiuti è stata introdotta dal Decreto Ronchi D. Lgs. n. 22 del 5 febbraio 1997 e dal successivo D. Lgs. n. 152 del 3 aprile 2016. I Comuni hanno recepito le direttive dell’UE in materia ambientale ed è compito dei singoli Enti locali quello di educare la popolazione alla corretta gestione della raccolta differenziata.

Violare quanto imposto dalla legge, comporta delle multe: ad esempio, chi sbaglia cassonetto nel gettare un rifiuto o chi butta la spazzatura fuori orario rischia da 25 a 155€ di sanzione; chi sbaglia nella raccolta di carta e cartone rischia una multa dai 100 ai 620€. E’ quanto accaduto a Novi Ligure, dove negli ultimi giorni un cittadino ha visto arrivare una sanzione di 120€ per aver gettato due angurie nei cassonetti della carta e della plastica.

Impostazioni privacy