Ravvedimento operoso, come funziona lo strumento per correggere gli errori

Ravvedimento operoso: cos’è e come funziona, ecco i dettagli per non sbagliare e mettersi in regola, segui questi consigli.

Ravvedimento operoso come funziona
Ravvedimento operoso, caratteristiche- (Codiciateco.it)

Il ravvedimento operoso è uno strumento messo a disposizione del contribuente per poter adempiere ai propri errori, e per aumentare le entrate tributarie con il minor dispendio di risorse possibile. È possibile infatti sfruttare il ravvedimento operoso per adempiere spontaneamente in caso di erroriomissioni o mancati versamenti in termini fiscali. Questo strumento, è stato introdotto nella legislazione tributaria alla fine degli anni 90. L’obiettivo era quello di offrire al contribuente la possibilità di mettersi in regola dal punto di vista fiscale in caso di mancato omesso o insufficiente versamento delle imposte e dei tributi dovuti, dunque è una possibilità per non avere problemi.

Ravvedimento operoso, come metterlo in pratica

Lo strumento per correggere gli errori
Ravvedimento operoso, come funziona-(Codiciateco.it)

Attraverso il ravvedimento operoso, è possibile regolarizzare i versamenti e le imposte omessi e riparare ai propri errori dal punto di vista fiscale. Sarà possibile anche ottenere una riduzione della sanzione, tuttavia la riduzione sarà proporzionale al tempo che intercorre tra la violazione dell’obbligo tributario, e il ravvedimento operoso. Questa misura può essere utilizzata per regolarizzare diverse situazioni come ad esempio, per l’Iva, Irpef, IRES, IMU, TASI, TARI, IRAP e per le imposte di registro ipotecaria e catastali. Il perfezionamento, avviene attraverso il pagamento dell’imposta dovuta, degli interessi e della sanzione ridotta. Il contribuente dovrà versare una dichiarazione integrativa o correttiva, effettuare il versamento del tributo omesso o insufficiente indicato.  Oltre all’importo dovuto, in questi casi solitamente c’è da aggiungere una sanzione più o meno onerosa. Il modello del ravvedimento dovrà essere compilato in maniera corretta, inserendo tutti i dati e riportando anche il periodo di riferimento e il codice tributo. Bisognerà inoltre indicare il numero del modello F 24 relativo all’imposta del ravvedimento.

Ravvedimento operoso, chi può usufruirne

Questa misura, è messa a disposizione di tutti i contribuenti che hanno commesso un’irregolarità fiscale, tuttavia è possibile sfruttare questo strumento solo fin quando la violazione non sia stata contestata. Grazie ravvedimento operoso sarà possibile ottenere degli effetti positivi anche sul proprio piano penale, infatti permette di non essere puniti per reati tributari. Secondo il codice dell’articolo 13 del decreto legislativo, chi si metterà in regola attraverso il ravvedimento operoso, non potrà essere punito se prima della dichiarazione di apertura del dibattito di primo grado, i debiti sono già stati compensati in seguito al ravvedimento.

Impostazioni privacy