Hai mai visto una Postepay di questo colore? Perché è particolare

Postepay né gialla come la Standard e né nera come l’Evolution: avete mai visto piuttosto una versione di questo colore grigio? Ecco cos’è. Potrebbe addirittura riguardarvi 

Postepay Evolution Business
Postepay Evolution di colore grigio, cos’è e perché è particolare – CodiciAteco.it

Chi non conosce Postepay? Chi non l’ha mai vista o oppure avuta una? Sebbene crescano le soluzioni bancarie nel corso degli anni, con l’arrivo di nuove realtà straniere oppure gli istituti virtuali che hanno preso esponenzialmente piede in questi anni, Poste italiane resta un assoluto riferimento per molti italiani. E per un motivo molto semplice: oltre alla comodità che essa offre per varie dinamiche, è appunto una sicurezza in un mare di incognite o realtà tutte da decifrare. Se non ha si molta dimestichezza nel campo finanziario e ci si vuole aggrappare a qualcosa di certo, le soluzioni postali rappresentano una garanzia.

Ed è per questo che le Postepay hanno avuto sempre più successo da quando poco dopo gli anni 2000 sono state lanciate sul mercato attraendo una serie smisurata di clienti in pochissimo tempo. Parliamo di giovani che ambivano una primissima indipendenza economica tra gli accantonamenti delle paghette o soldi vari guadagnati, ma anche di persone adulte che necessitavano di una carta per i pagamenti digitali oppure on line o, semplicemente, per tenere da parte dei soldi e non averli tutti fisicamente in casa. Si è partiti così dalla soluzione Standard arrivando a tante altre nate nel corso degli anni.

Postepay grigia, mai vista? Cos’è precisamente

Postepay Evolution Business
Postepay Evolution Business, come funziona e perché è particolare – CodiciAteco.it

Le più conosciute sono appunto quella basica, in giallo, e la Postepay Evolution in nero. Tuttavia ci sono anche altri tipi di Postepay che potrebbe sorprendervi vedere all’improvviso. Come nel caso di una Postepay… tutta grigia. Probabile che non sia stata mai vista dalla maggior parte delle persone che leggeranno questo articolo. E’ particolare e rara perché, pur essendo prepagata, è una carta in realtà pensata ai lavoratori con partita iva o ditte individuali.

Semplice da richiedere e da attivare, questa ha un plafond  200.000,00 euro e costa appena 12 euro all’anno. “Associando la carta ai Servizi di Acquiring MPOS Postepay, Postepay Tandem POS Fisico o Servizio Postepay Codice puoi accettare pagamenti con carte e/o smartphone e usufruire, fino al 31/12/2024, della promozione Tandem e Servizio Postepay Codice”; si legge nelle indicazioni ufficiali. Dotato ovviamente di IBAN si possono inviare bonifici anche all’estero e si può prelevare gratuitamente da qualsiasi sportello ATM postale. E come tutte le altre carte, si può gestire comodamente via app.

Come richiedere la Postepay Business

Tuttavia non si può richiedere on line ma presso gli uffici postali abilitati, con una lista ufficiale di riferimenti presente sul portale ufficiale. Più verosimilmente gli interessati dovrebbero chiedere presso i riferimenti più vicini se è garantito tale servizio, per il quale servirebbero i documenti e ovviamente anche il proprio numero di partita iva. La carta aderisce anche all’iniziativa cashback Poste che assicura un rimborso dopo una serie di acquisti presso una lista di negozi italiani e stranieri che aderiscono all’iniziativa. Se doveste dunque vedere una Postepay grigia, si tratterebbe della versione Business indirizzata, dunque, ai liberi professionisti o proprietari di un’attività.

Per chi fosse interessato c’è anche una promozione in corso per quest’anno solare: richiedi il servizio Acquiring MPOS Postepay o Tandem POS Fisico contestualmente a una Carta Postepay Evolution Business, si potrà avere il rimborso del canone annuo che si andrebbe a pagare all’apertura. Il tutto però purché avvenga entro il 31/12/2024. Ma “Azzeramento del canone annuo della carta in caso di richiesta del Servizio di Acquiring Postepay contestuale o entro i 7 giorni successivi alla data di richiesta della carta”, specifica Poste.

Impostazioni privacy