Gratta e Vinci, quello che credi di vincere non é il vero premio: ecco la truffa nascosta dietro ogni scheda fortunata

Dietro l’illusione del Gratta e Vinci si nasconde una sorpresa amara. Scopri la truffa nascosta dietro ogni scheda fortunata.

Se la fortuna vi sorride ai giochi o alle lotterie, è inevitabile chiedersi: come gestire le vincite e, soprattutto, quanto dover cedere al fisco?  Quando il destino decide di regalare una cifra da capogiro, quali sono gli obblighi fiscali da onorare? Domande che uniscono gli appassionati dell’Enalotto e gli amanti del brivido del gioco.

Gratta e Vinci: tra speranza e inganno
Premi illusori: La verità nascosta dietro le schede fortunate

Dobbiamo tenere a mente che lo Stato è sempre il compagno d’affari di ogni cittadino italiano, reclamando la sua fetta di torta in ogni situazione, che si tratti di guadagni derivati ​​dal lavoro o dalla fortuna dei giochi. Nel mondo del gioco d’azzardo, potrebbero dire di essere di fronte a una vera e propria “tassa sulla fortuna”, che contribuisce a riempire le casse statali, considerando l’innato spirito di gioco degli italiani. Ma vediamo come comportarci per rimanere dalla parte giusta della situazione.

L’inganno della vittoria

In un paese dove il gioco è regolamentato dallo Stato, ogni forma di scommessa è sotto la lente delle agenzie fiscali, come l’Amministrazione Dogane e Monopoli o aziende convenzionate come Sisal e Lottomatica. Le multe e le conseguenze legali colpiscono chi decide di infrangere le regole, trasformando il gioco in un reato. Tuttavia, per chi gioca seguendo le regole, le tasse variano a seconda dell’entità della vincita. Nel mondo del Gratta e Vinci, ad esempio, il 20% di tassazione si applica solo alle vincite superiori ai 500 euro.

Difendersi dalle truffe
Il costo reale della fortuna – CodiciAteco.it

Un gioco di bilanciamento fiscale che permette ai fortunati vincitori di godersi interamente la somma se il premio è inferiore. Il Lotto, gestito da Lottomatica, impone un prelievo fiscale dell’8%, ma solo per vincere oltre i 500 euro. La regola si applica anche al Superenalotto, con una tassazione del 20%. Il gioco 10eLotto segue con un’11% di tassazione. E se il brivido del gioco si sposta online, anche le vincite nei casinò virtuali non sono esenti da tasse. Con aliquote progressive, le vincite fino a 500 euro sono esentasse, mentre oltre questa soglia, la tassazione aumenta, raggiungendo il 25% per le somme superiori a 10 milioni di euro.

Ma quando si parla di tasse, c’è sempre un’eccezione: se giochi legalmente e vinci, i concessionari fungono da sostituti d’imposta, e non devi dichiarare le vincite nella tua dichiarazione dei redditi. L’unica eccezione sono le vincite da giochi non autorizzati in Italia, che devono essere dichiarati nella sezione “redditi diversi”.

Un consiglio prezioso per tutti i vincitori: conserva le ricevute delle vincite. L’Agenzia delle Entrate può fare affidamento sul “redditometro” per confrontare le entrate dichiarate con gli acquisti effettuati. Possedere le ricevute può essere un asso nella manica in caso di controlli fiscali, giustificando entrate extra sul conto corrente.

Impostazioni privacy