Agenzia delle Entrate, 80 posti a tempo indeterminato: non perdere l’occasione e invia la candidatura

Agenzia delle Entrate, assunzione per 80 posizioni. I requisiti necessari e come presentare domanda per il concorso.

agenzia entrate
Agenzia delle Entrate, le assunzioni possibili (codiciateco.it)

Il lavoro nel pubblico impiego offre ancora delle garanzie e delle condizioni che in altri settori, purtroppo, non sono così certe. Non casualmente, dopo tanti anni di disinteresse per i concorsi nella Pubblica Amministrazione, da qualche tempo i giovani sono tornati ad affollare le aule delle selezioni concorsuali.

Ma impieghi in questo comparto non sono interessanti soltanto per le certezze contrattuali, che pure sono importanti. Le figure e i profili ricercati richiedono sempre preparazione e competenze. Inoltre le possibilità di crescere da un punto di vista professionale non sono poche, come quelle di tentare anche la strada della carriera interna. Le strutture pubbliche, infatti, si stanno aggiornando e le risorse umane assumono un’importanza notevole.

Agenzia delle Entrate, quale possibilità di assunzione

sede concorso
Selezione mediante concorso all’Agenzia delle Entrate (codiciateco.it)

Tra gli enti pubblici che sono alla caccia di forze fresche, c’è anche l’Agenzia delle Entrate. Questa sta per mettere un bando online per l’assunzione di 80 posizioni da inserire nelle risorse umane con contratti a tempo indeterminato. Il bando uscirà per via telematica, entro l’anno e la domanda dovrà essere inviata mediante il portale InPA.

Le assunzione rientrano nel Piano integrato di attività e organizzazione (PIAO) per il triennio 2024-26 e mira alla ricerca di funzionari con competenze specifiche in selezione del personale, formazione e valutazione. Quindi i neo assunti dovranno occuparsi in prima battuta del personale dalle fasi di valutazione alla gestione, dalla formazione e crescita professionale alla rilevazione delle necessità formative.

Per partecipare alle selezione e presentare la propria candidatura occorre possedere la laurea che può essere triennale e quinquennale. Nel primo caso si preferiscono Scienze dell’Educazione, Psicologia, Sociologia, Scienze giuridiche, Scienze politiche, Scienze economiche, Amministrazione e Organizzazione. Nel caso di titoli magistrali si accede con Antropologia, Filologia, Linguistica, Storia, Psicologia, E-learnig, Gestione servizi educativi, Società dell’informazione, Educazione degli Adulti, Scienze pedagogiche, Sociologia, Filosofia, Servizio sociale.

Sono validi anche i diplomi di laurea precedenti la riforma del 1999. I tioli di studio sono Giurisprudenza, Sociologia, Scienze politiche, Economia, Scienze della Formazione, Educazione. Tutta la procedura di candidatura si svolgerà sul portale InPA e dall’uscita del bando si avranno 30 giorni per l’invio della domanda di partecipazione. Per accedere alla piattaforma sarà certamente necessario l’autenticazione con profilo personale SPID, CIE e CNS.

Come accennato le mansioni riguarderanno la gestione, la formazione, l’assunzione del personale. Ma come in ogni azienda sia pubblica che privata le mansioni dei dipendenti del settore delle risorse umane possono variare. Dipende dalle caratteristiche e dalle necessità dell’azienda. Resta comunque un buona occasione per chi intende accedere nel pubblico impiego, da non perdere.

Impostazioni privacy