ADI, stai aspettando l’esito della domanda? C’è una novità dall’INPS

Assegno di inclusione, sei in attesa dell’esito per la tua domanda presentata? Ci sono novità importanti dall’INPS: di cosa si tratta 

domanda ADI
Domanda ADI, cosa fa sapere l’INPS per chi è in attesa del verdetto – CodiciAteco.it

E’ un periodo delicato questo per l’INPS, sommersa di lavoro e da milioni di pratiche da smaltire su molteplici fronti. C’è attesa per tantissime situazioni in essere ma attualmente in stand-by, come il bonus nido ancora bloccato nonostante siano passati già quattro mesi ma c’è un’altra prestazione soprattutto a tener banco: parliamo ovviamente dell’assegno di inclusione, la nuova misura sociale introdotta in alternativa al reddito di cittadinanza. Se da una parte migliaia di famiglie hanno iniziato a beneficiare del contributo, dall’altra ce ne sono tantissime ancora in attesa.

E senza un reddito alternativo a disposizione, si fa durissima nel frattempo ed è il motivo per cui si spera in un verdetto positivo il prima possibile. E’ anche per questo che chi riceve poi l’ok per ritirare la carta presso gli uffici di Poste italiane riceve la ricarica in anticipo, ovvero a metà mese, rispetto a tutte le altre erogazioni per le quali bisognerà invece attendere a fine mese come ormai sono già abituati i primi beneficiari. Ora in questi giorni sono attesi aggiornamenti per chi ha presentato di recente domanda e in effetti sembrerebbero davvero in arrivo.

Domande ADI bloccati, finalmente novità in arrivo

ADI scadenze calendario
Carta assegno di inclusione in arrivo a molti, stanno per sbloccarsi le domanda – CodiciAteco.it

Il contact center dell’INPS sta infatti annunciando ai cittadini che le lavorazioni sono in arrivo. L’applicativo è infatti arrivato ai funzionari lo scorso 10 aprile e stanno iniziando a osservare le domande rigorosamente in ordine di presentazione. Non sarà semplicissimo considerando che tra questi c’è anche chi ha presentato richiesta per il contributo ADI a fine febbraio, ma è comunque una conferma importante che c’è un’accelerata per la pratica e che potrebbero esserci notizie positive per moltissimi in attesa nei prossimi giorni o al massimo settimane

Ovviamente, come ben noto, non la lavorazione non è sinonimo di esito positivo: molti potrebbero vedere la propria posizione sbloccata ma non nella maniera in cui avrebbero desiderato. Chi ha invece compilato la domanda in maniera lineare, senza errori di forma o incoerenze nella documentazione, potrà finalmente beneficiare della somma mensile avendo in famiglia o un minore, o un disabile o un anziano che rappresentano i principali requisiti per poter ottenere questo contributi INPS. Come noto, ciascuna famiglia avrà almeno 480€ mensili ma la cui cifra aumenta in base al numero dei componenti nel nucleo familiare o la rispettiva scala di equivalenza.

Si consiglia pertanto di monitorare lo stato della domanda a partire dalla prossima settimana. Fermo restando che in caso di problematiche, l’INPS contatterà attraverso i contatti rilasciati invitandovi a integrare la documentazione per poter ottenere il beneficio. Potrebbe essere con un sms o con l’email rilasciata. Attenzione tuttavia dal momento in cui si riceverà l’eventuale comunicazione: non dovranno passare infatti più di 60 giorni, altrimenti decadrà tutto e bisognerà presentare direttamente una nuova domanda.

Impostazioni privacy