Acquisto materasso ortopedico, puoi detrarlo dal 730: perché e come farlo

Se ti capita di dover acquistare un materasso ortopedico, devi sapere che è possibile detrarre la spesa dal 730. Vediamo come farlo. 

materasso ortopedico 730
Detrarre materasso ortopedico (Codiciateco.it)

La scelta del materasso giusto può fare la differenza in fatto di qualità del sonno e di benessere della persona. Proprio per questo, sono in commercio dei materassi ortopedici e in virtù della loro influenza sulla salute di chi vi dorme sopra, sono considerati dispositivi medici dal Ministero della Salute. Questo significa che la spesa affrontata per acquistarli può essere detratta dal modello 730 per il 19%.

Più nei dettagli, questi materassi ergonomici sono classificati come dispositivi medici di Classe 1. Bisogna seguire una procedura specifica per poter detrarre parte del loro costo. Capiamo quali step vanno affrontati e ricordiamo comunque che è importante farsi assistere da un professionista del settore per questioni relative a dichiarazioni dei redditi e tasse da versare.

Materasso ortopedico, come detrarre la spesa dal 730

materasso ortopedico 730
Materasso ortopedico, come detrarre la spesa dal 730 (Codiciateco.it)

Prima di tutto, al momento dell’acquisto del materasso va richiesta la fattura intestata alla stessa persona che richiede la detrazione, con tanto di codice fiscale. Deve riportare dettagliatamente il nome del prodotto acquistato con la dicitura di “dispositivo medico” (la sola dicitura “dispositivo medico” non è sufficiente) e la marcatura CE che attesti la conformità ai requisiti di sicurezza come stabiliti dalla direttiva 93/42/CE.

Il pagamento deve avvenire in modalità tracciabile, quindi tramite carta di credito, bancomat, assegno o bonifico bancario. Non è obbligatorio ma è comunque utile presentare il libretto del materasso che riporti le specifiche tecniche del prodotto e la prescrizione medica che attesti la necessità di dover utilizzare un materasso ergonomico.

La fattura di acquisto e la relativa documentazione vanno conservate (per almeno 5 anni) e presentate in fase di dichiarazione dei redditi. Oltre alla detrazione base di 19%, è previsto anche un ulteriore sconto per chi è titolare di Legge 104: può richiedere la deduzione dell’IVA dal 22% al 4%. Le spese sostenute per dispositivi medici vanno inserite, all’interno del modello 730, nel rigo E1, dedicato nello specifico alle uscite economiche legate agli interventi di assistenza sanitaria. Sul sito dell’Agenzia delle Entrate, è possibile comprendere meglio i dettagli della detrazione e capire anche quali sono gli altri dispositivi medici detraibili.

Impostazioni privacy