800€ al mese per questi genitori: 2 aprile ultimo giorno per far domanda

Bonus INPS a questi genitori, ecco chi può avere fino a 800€ al mese ma dovrà muoversi entro la giornata del 2 aprile: è infatti l’ultimo giorno per far richiesta

Bonus genitori INPS

Diventare genitori è un’enorme responsabilità. E’ il sogno di una vita di tantissime persone, ma già da prima che lo si diventa – nei mesi di attesa – bisogna comprendere l’importanza e i doveri che ne derivano per il bene del nascituro. Non solo in termini di affetto, amore ed educazione, ma anche per quanto concerne il mero aspetto economico considerando che uno o più bambini comportano, giocoforza, non poche spese soprattutto nei primi mesi di vita e poi in generale per tutta la loro crescita finché non diventeranno indipendenti e autosufficienti.

Bisogna quindi prenderne atto, avendo la maturità di diventare genitori solo quando ci sono tutte le condizioni ideali in ambito finanziario per garantire quanto meno una minima serenità a chi verrà al mondo. Non è un caso che da questo punto di vista le nascite in Italia stanno spaventosamente crollando in questi ultimi anni: le enormi incertezze occupazionali e un costo di vita sempre più alto, per non parlare di affitti e acquisto casa sempre più difficili, ha portato a questo scenario desolante ma necessario per chi cerca giustamente la stabilità prima di qualsiasi altro passo.

Bonus genitori INPS fino a 800€, scadenza 2 aprile: chi riguarda

avviso INPS bonus genitori
L’avviso INPS per il bonus genitori fino a 800€ al mese: slitta la scadenza – CodiciAteco.it

Diventa ancor più complicato, poi, se un genitore deve fare anche tutto da solo in caso di nascita di un figlio. Ed è in questo senso che va il bonus genitori separati e non convincenti elargito dall’INPS. Una misura di sostegno che va non solo per chi si è sposato e ha poi capito che era meglio prendere ognuno la propria strada, ma anche per chi ha avuto un figlio ma non è andato mai a vivere insieme all’altro genitore.

Martedì 2 aprile, primo giorno utile disponibile dopo le feste di Pasqua e il weekend antecedente, come specificato dallo stesso Istituto nazionale della previdenza sociale, diventa l’ultimo giorno disponibile per ottenere tale contributo. La vera scadenza era in realtà fissata per lo scorso 31 marzo, ma cadendo in giorno festivo, è scattata appunto la proroga. “Saranno quindi considerate valide tutte le domande pervenute correttamente sul sito INPS entro e non oltre il 2 aprile 2024”, specifica l’ente. 

Chi può avere il bonus genitori separati, divorziati e non conviventi

La domanda si può fare sul sito INPS alla voce “Contributo per genitori separati o divorziati per garantire la continuità di erogazione dell’assegno di mantenimento”.  L’aiuto è indirizzato ai genitori separati, divorziati o appunto non conviventi sulla base del provvedimento emanato dell’autorità di riferimento, con l’obiettivo si legge “di garantire la continuità di erogazione dell’assegno di mantenimento versato in tutto o in parte dall’altro genitore”.

Tale misura è infatti più specificamente indirizzata ai genitori che nel periodo del Covid, ovvero l’8 marzo 2020 e il 31 marzo 202, non abbia ricevuto tutto o parte dell’assegno di mantenimento dall’ex coniuge. Per accedere a tale ammortizzatore sociale è necessario avere un reddito IRPEF non superiore a 8.174 euro negli anni di riferimento della crisi epidemiologica e in caso di figli maggiorenni che questi siano portatori di handicap gravi e sempre relativamente al triennio citato. Il contributo, per chi rientra in una di queste condizioni, è di massimo 800€ per 12 mensilità. 

Impostazioni privacy