INPS, le famiglie che possono chiedere 3000 euro: non serve l’ISEE

C’è un nuovo bonus a disposizione delle famiglie: possono portare a casa fino ad un massimo di 3.000 euro senza ISEE, ecco cosa bisogna fare.

Bonus INPS da 3.000€
Arriva un nuovo bonus INPS da 3.000 euro: ecco a quali famiglie spetta e come farne domanda (Codiciateco.it)

Molte famiglie, per quella che è la situazione che si è venuta a creare nel Paese, fanno davvero una enorme fatica ad andare avanti ed a tirare fino a fine mese, come si suol dire. In termini economici, infatti, le difficoltà aumentano di giorno in giorno dal momento che i costi della vita sembrano essere in costante ascesa ed al contempo gli stipendi sono stazionari ormai da diverso tempo. Non a caso, infatti, si stanno facendo sempre più frequenti i bonus che vengono riconosciuti dal Governo a persone o interi nuclei familiari.

Nel caso specifico il beneficio di cui ci andremo qui ad occupare mette a disposizione di alcune famiglie, a condizioni ben precise, un bonus del valore pari a 3.000 euro. La notizia migliore, da questo punto di vista, è che questo bonus si può ottenere senza ISEE e, per giunta, senza il rischio di avere delle conseguenze in termini fiscali e previdenziali. La prima cosa da dire è che tale cifra viene riconosciuta ad interi nuclei familiari. Andiamo a vedere a quali condizioni e come si può fare per usufruirne.

Bonus 3.000 euro senza ISEE: come funziona

Una famiglia sul letto
Nuovo bonus per le famiglie da 3.000 euro: ecco come fare, non serve neanche l’ISEE (Codiciateco.it)

Tale bonus riguarda le buste paga delle lavoratrici. Le mamme che lavorano, infatti, grazie a degli sgravi fiscali che andranno richiesti, possono ottenere per il loro nucleo familiare un bonus davvero importante. Tale bonus può essere richiesto nel periodo compreso tra il primo gennaio 2024 ed il 31 dicembre del corrente anno. Le condizioni necessarie per ottenere questa cifra sono le seguenti. Nel periodo di tempo che culmina con il 31 dicembre 2026 devono essere madri di tre o più figli. In alternativa devono essere madri di due figli al 31 dicembre 2024.

Con questi sgravi fiscali l’obiettivo è ottenere che le lavoratrici abbiano un maggiore potere di acquista. Una maggiore disponibilità economica. Nel limite massimo di 3.000 euro annui, avranno un esonero contributivo del 100% le madri con tre figli. Per il 2024, questi stessi parametri si applicano anche alle madri che lavorano e che hanno due figli, di cui uno di 10 anni.

Il fatto che tale richiesta non tenga conto dell’ISEE ha già alimentato tante polemiche, dal momento che per molti finisce per essere una agevolazione per le lavoratrici che abbiano uno stipendio alto.

Come si ottiene questo bonus?

Tale beneficio viene riconosciuto direttamente in busta paga, visto e considerato che non va presentato alcun ISEE. Le lavoratrici con tre figli, dunque, avranno un esonero contributivo fino al 9,19% della retribuzione. Che, tradotto in altri termini, significa che potranno avere fino ad un massimo di 3.000€, che equivalgono a 250€ al mese.

Impostazioni privacy