Esenzione ticket sanitario, bisogna rinnovarlo: chi potrà farlo

Quali sono i requisiti per rinnovare per il 2024 il ticket sanitario? Bisogna agire entro il 31 marzo, ma vediamo chi potrà farlo. 

ticket sanitario esenzione
Rinnovo esenzione ticket sanitario (Codiciateco.it)

Quando arriva il momento di sottoporsi a cure mediche, è necessario pagare il ticket sanitario. Questa tassa è stata istituita nel 1982 ed ogni anno è possibile rinnovarne l’esenzione se si è in possesso di determinati requisiti. Normalmente, lo si paga per ottenere servizi medici quali visite specialistiche, test diagnostici, cure in pronto soccorso ad esclusione delle emergenze e terapie termali. Tuttavia, alcuni pazienti non sono tenuti a versare questa quota, per svariati motivi possono bypassarla.

Chi risulta essere esente dal pagamento del ticket sanitario, può ricevere in formato gratuito diversi servizi medici. Al fine di risultare tra gli aventi diritto all’esenzione, è importante ogni anno rinnovare la propria posizione: siamo prossimi alla data limite del 2024 per poterlo fare e garantirsi il ticket gratuito anche per quest’anno. Vediamo chi può procedere.

Ticket sanitario, chi può rinnovare l’esenzione per il 2024

ticket sanitario esenzione
Chi può rinnovare l’esenzione al ticket sanitario (Codiciateco.it)

Sono esentate dal pagamento del ticket le persone affette da malattie croniche che devono effettuare visite specialistiche ambulatoriali necessarie a fini di controllo e monitoring. Sono incluse anche le visite preventive, importanti per evitare complicazioni e aggravamenti del proprio stato di salute. Anche i farmaci utilizzati per la terapia sono gratuiti.

L’esenzione è estesa anche a chi ha malattie rare che necessitano di specifiche visite diagnostiche, di monitoraggio nonché prevenzione. Ancora, a non pagare il ticket sanitario sono anche alcune persone che devono effettuare diagnosi precoce dei tumori, dipende dal singolo caso. Per rinnovare un’esenzione già in corso bisogna presentare un’autocertificazione tramite il FSE, Fascicolo Sanitario Elettronico o compilandola in formato cartaceo presso l’Asl di appartenenza. Sempre attraverso il FSE, si può verificare che la richiesta sia andata a buon fine: chi ne aveva già diritto l’anno precedente, vedrà l’esenzione rinnovata in automatico.

Ma quali sono i requisiti da rispettare per far sì che la richiesta di esenzione del ticket sanitario venga approvata? La tassa per ottenere prestazioni mediche non è richiesta in caso di screening autorizzati dalla Regione, come pap test, colonscopia o mammografia; invalidità, gravidanza e redditi bassi (cittadini con età minore di 6 anni o superiore ai 65 appartenenti a famiglie con un reddito inferiore a 36.151,98 euro; cittadini disoccupati con familiari a carico e un reddito inferiore a 8363,31 euro o 11.362,05 se un coniuge è a carico; persone che ricevono la pensione o l’assegno sociale con familiari a carico; pensionati con pensione minima e familiari a carico).

Impostazioni privacy