Disoccupati e inoccupati, tutti gli aiuti che si possono richiedere

Bonus per disoccupati e inoccupati: ecco in cosa consistono e come possono essere richiesti gli aiuti economici previsti dalla nuova Legge di Bilancio 2024. 

aiuti per disoccupati e inoccupati
Nuovi aiuti economici da poter richiedere per disoccupati e inoccupati – codiciateco.it

Bonus per disoccupati e inoccupati. A stabilire l’erogazione di questi aiuti economici è la nuova legge di Bilancio 2024. Con la soppressione a partire da quest’anno del Reddito di cittadinanza (RdC) e l’abolizione o la riduzione di altre agevolazioni, i bonus per disoccupati e inoccupati rappresentano una grande novità e un sussidio inaspettato per quanti credevano di vedere ridotti i benefici economici nel 2024. In cosa consistono, quindi, questi aiuti e come è possibile richiedere i bonus?

Sostegni economici per disoccupati e inoccupati: come richiedere i bonus previsti dalla Legge di Bilancio

disoccupati cercano lavoro
Disoccupati e inoccupati, nuovi benefici previsti nel 2024: quali sono e come richiederli – codiciateco.it

Sembrava che il Reddito di Cittadinanza sarebbe stato sostituito esclusivamente dall’Assegno di Inclusione. Questo beneficio, però, è una misura nazionale di contrasto alla povertà, alla fragilità e all’esclusione sociale rivolto solo alle fasce deboli. L’Assegno di Inclusione (ADI) consiste in un sostegno economico e di inclusione sociale e professionale, composto da due parti: un’integrazione del reddito familiare fino a una soglia (quota A) e un sostegno per i nuclei residenti in abitazione concessa in locazione con contratto registrato (quota B).

Tutti coloro che non rientrano nelle fasce deboli ma che fino allo scorso anno avevano percepito il Reddito di Cittadinanza si trovano quindi esclusi dall’ADI. A tal fine, la nuova Legge di Bilancio 2024 ha previsto l’introduzione di sostegni economici per disoccupati e inoccupati. Il principale bonus per persone senza un’occupazione lavorativa è la carta spesa Dedicata a te. Dopo il risultato dello scorso anno, la legge di Bilancio ha esteso il sussidio per la spesa anche per quest’anno. Il bonus prevede un contributo di 382,50 euro, destinato all’acquisto di soli beni alimentari di prima necessità, con esclusione di qualsiasi tipologia di bevanda alcolica. Viene erogato attraverso carte elettroniche di pagamento, consegnate presso gli uffici postali abilitati al servizio.

Un secondo aiuto economico per disoccupati e inoccupati è il Buono Carburante, che consiste in un sostegno aggiuntivo di 77.20 euro. Esiste anche il bonus sociale per lo sgravio in bolletta, per il quale è necessario aggiornare il modello ISEE per avere importi corretti e quindi il riconoscimento diretto del beneficio. Fondamentale, poi, è il Sar, che consente di ottenere fino a mille euro. Il bonus Sar è un’indennità per i lavoratori che hanno avuto contratti in somministrazione a tempo determinato o indeterminato, anche in apprendistato, e che ora sono disoccupati.

Come richiedere il bonus disoccupati Sar: la procedura per le domande online

Per ottenere il bonus Sar bisogna essere disoccupati da almeno 45 giorni e aver maturato almeno 110 giorni di lavoro oppure 440 ore lavorate negli ultimi dodici mesi dalla data dall’ultimo giorno effettivo di lavoro in somministrazione. Possono richiederlo anche coloro che sono disoccupati da almeno 45 giorni. Devono o aver concluso la procedura in Mancanza di Occasioni di Lavoro o aver maturato almeno 90 giorni di lavoro (o 360 ore lavorate) negli ultimi dodici mesi dalla data dall’ultimo giorno effettivo di lavoro in somministrazione.

L’importo del bonus disoccupati 2024 sarà pari a 1000 euro al lordo delle imposte previste dalla legge, per chi ha i primi due requisiti e 780 euro al lordo delle imposte previste dalla legge per gli altri. La richiesta del bonus disoccupati Sar 2024 deve essere presentata esclusivamente online, su Forma.temp attraverso il sistema FTWeb. Accedendo al sito e scaricando il modulo, si dovrà compilare e firmare la domanda e inoltrarla. Lo stato della domanda può essere controllato su Forma.temp, inserendo il codice fiscale del richiedente e il numero di protocollo della pratica.

Impostazioni privacy