Bonus pedaggio autostradali: come funziona e chi può averlo

Per una precisa categoria di lavoratori c’è a disposizione il bonus pedaggio: ecco a chi sarà riconosciuto e come fare per poterlo ottenere.

Casello
Bonus pedaggio per alcuni lavoratori: ecco chi ne può aver bisogno e tutte le informazioni utili a riguardo (Codiciateco.it)

Le automobili, allo stato attuale delle cose, in maniera del tutto inevitabile sono diventate centrali nelle nostre vite. Per spostarsi, infatti, al di là dei casi in cui all’interno di una metropoli è possibile usare un servizio di mezzi pubblici efficiente, è diventato indispensabile. Il lavoro, infatti, oggi è sempre più dinamico e la possibilità di trovare la classica posizione sotto casa è un qualcosa di simile ad una utopia. In tal senso, però, ci sono delle spese da mettere in conto, soprattutto per chi per lavoro è costretto a fare lunghi viaggi e ad usare la linea autostradale.

In questi casi, soprattutto per chi svolge determinati tipi di professioni, le spese da sostenere possono diventare davvero considerevoli ed essere incisive in un fatturato. Per questo motivo, come in altri casi analoghi, complice anche la situazione economica del Paese, arrivano di tanto in tanto degli aiuti da parte dello Stato. Per chi usa molto la macchina e le autostrade in senso generico le spese da mettere in conto in maniera costante sono due. La prima riguarda la benzina, la seconda il costo del pedaggio. Andiamo a vedere in tal senso in che cosa consiste il bonus pedaggio proposto per il 2024.

Bonus pedaggio 2024: ecco di che si tratta

Coda al casello
Bonus pedaggio 2024: ecco tutte le info utili a riguardo (Codiciateco.it)

Il bonus pedaggio è un sistema di sconto compensato che viene riconosciuto ad una precisa categoria professionale. Si tratta di chi opera nel comparto dell’autotrasporto. Anche quest’anno chi è occupato in questo settore può chiedere questa riduzione, per così dire, che può essere di valore differente e di importo differente a seconda di due fattori. Questo sconto, infatti, può andare dall’1% al 13%. Vediamo adesso nel dettaglio da che cosa dipenderà. In tal senso, prima di procedere, ti ricordiamo che stanno arrivando sviluppi importanti anche relativi alla carta solidale INPS “Dedicata a te”.

La percentuale che viene messa a disposizione varia, come detto in precedenza, basandosi su due fattori da tenere attentamente in considerazione. Il primo è quello relativo al fatturato che si produce, il secondo invece riguarda il tipo di veicolo che viene utilizzato. Per questa misura relativa al 2023 sono stati stanziati 148 milioni di euro, a conferma di quanto sia comunque considerevole la platea. Per fare domanda ed ottenere questo denaro, occorre essere iscritti come imprese, cooperative, consorzi registrati all’Albo nazionale delle persone, siano esse fisiche e giuridiche, che esercitano l’autotrasporto di oggetto. In materia di pedaggio, non dimenticare le alternative esistenti al Telepass.

Bonus pedaggio 2024: come presentare domanda

Le domande per questo bonus partiranno a partire dal 5 giugno del 2024 e si avrà tempo fino alle ore 14.00 dell’11 giugno. La richiesta può avvenire solo ed esclusivamente attraverso l’applicativo “Pedaggi”, al quale si può accedere partendo dal Portale dell’Albo.

Impostazioni privacy