Assegno unico, come parlare con la chat-assistenza: dove procedere

Grande novità annunciata dall’INPS per l’assegno unico: arriva la chat-assistenza per risolvere ogni tipo di dubbio ed è già operativa. Ecco come parlarci 

assegno unico
Assegno unico come funziona la chat-bot – CodiciAteco.it

L’Istituto nazionale della previdenza sociale prova a tenersi a passo coi tempi e così si digitalizza sempre di più, implementando funzioni e opportunità con un’ultimissima novità che riguarda in particolare l’assegno unico. Questa si tratta, per chi ancora non lo sapesse, di una misura di sostegno indirizzata a tutte le famiglie con minori, o anche figli dai 18 ai 21 anni in caso di studio e altri scenari, che spetta indipendentemente dall’ISEE ma la cui cifra mensile varia in base a questo. In caso di massimo riferimento, però, seppur minimo, comunque spetta un contributo.

A tal proposito, dato l’enorme numero di persone coinvolte e interessate a ricevere informazioni, aggiornamenti e indicazioni di vario tipo, l’INPS ha recentemente annunciato il lancio di un servizio digitale, progettato per fornire informazioni chiare e tempestive sull’Assegno unico e universale. Parliamo di una chat-assistente con cui sarà possibile interfacciarsi per una serie di richieste. “L’interazione tra l’Assistente digitale e i cittadini aiuta ad allenare il sistema perché renda risposte di qualità sempre maggiore”, specifica l’ente.

Come parlare con l’AI dell’INPS per l’assegno unico?

chat assistenza
Assegno unico, come funziona l’ultima novità – CodiciAteco.it

Questo nuovo strumento, che nello specifico si tratta di un’intelligenza artificiale, rappresenta un passo avanti significativo nell’offerta di servizi pubblici digitali, anche perché non ci sarà bisogno di registrarsi o autenticarsi in alcun modo e senza vincoli di orario: sarà possibile porre una domanda in qualsiasi momento della giornata. Come funziona? È semplice. I cittadini possono accedere al portale dell’INPS e trovare la scheda dedicata al servizio assegno unico e universale. E’ qui che comparirà un’opzione in basso visibile e dal titolo “Prova l’IA di tipo generativo sul nuovo Assistente Virtuale”. Basterà cliccare su “provalo ora” per avviare subito una conversazione.

L’INPS ha assicurato che il colloquio tra l’utente e l’assistente Digitale, così come i dati connessi, sono protetti secondo gli standard di sicurezza più elevati e ciò significa che la riservatezza delle informazioni personali degli utenti è garantita, offrendo loro la tranquillità necessaria nel condividere le proprie domande e preoccupazioni. Ovviamente, come è facilmente intuibile, in caso di quesiti particolarmente specifici o per situazioni particolari è più opportuno interfacciarsi con un operatore umano tramite call center INPS. Per il momento, almeno su questo fronte, siamo ancora la fonte primaria e più credibile. Ma per tutte le domande “normali” o che rientrano nelle casistiche normali dell’aiuto sarà possibile far richiesta al nostro nuovo aiutante digitale che risponderà in pochi secondi.

Impostazioni privacy