Invalidità e bollo auto: quale percentuale serve per non pagare?

Pagamento bollo auto, è prevista un’esenzione per chi ha un’invalidità: ecco da quando scatta, la percentuale in questione, i requisiti e chi in generale può riguardare. Tutti i dettagli 

pagamento bollo auto
Pagamento bollo auto: chi può essere esentato tra gli invalidi – CodiciAteco.it

Ogni nuovo anno, per chi ha un’automobile, si traduce in due ingenti somme da versare: una soprattutto per l’Rc auto, un’altra meno impegnativa ma comunque fastidiosa che riguarda il bollo auto. Quest’ultimo, noto anche come tassa di circolazione soprattutto nelle precedenti generazioni, è una tassa annuale che spetta per il solo possesso di una vettura ma motivo di disappunto e controversie tra gli italiani. Molte delle cartelle esattoriali in sospeso, riguardano proprio questo versamento mai effettuato negli anni e accumulato nel tempo.

La cifra annuale dipende dalla potenza del veicolo e dalla regione di appartenenza, per un valore che lungo lo stivale cambia a seconda del territorio. Il problema è che sommate a tutte le altre spese che puntualmente ci travolgono a ogni mese – parliamo di bollette, affitti e quant’altro – spesso si finisce col rinviare di continuo tale pagamento fino a ritrovarsi in un giro di un anno concluso a pagarne due o anche di più se tale abitudine c’è stata anche in passato. Ma è tuttavia consigliabile di risolvere le questioni in sospeso, poiché alla lunga potrebbe tramutarsi in un fermo amministrativo dall’Agenzia delle Entrate sul veicolo.

Esenzione bollo auto invalidità, in quali casi scatta

esenzione bollo auto
Bollo auto, quando non si deve pagare per invalidità – CodiciAteco.it

Tutti sono chiamati al pagamento, tranne alcune eccezioni che riguardano in particolare i disabili. Questi o non sono tenuti al pagamento in alcuni casi, oppure devono versare solo una parte della somma e non nella sua interezza. Ma da quale percentuale di invalidità scatta l’agevolazione? E’ questa la domanda che alberga nella mente di molti persone curiose o direttamente o indirettamente interessate. La risposta potrebbe sorprendere qualcuno, perché in verità l’agevolazione sul mancato pagamento non riguarda necessariamente la percentuale in essere.

Requisiti invalidità per non pagare il bollo auto

Ciò che è di riferimento è piuttosto la tipologia di invalidità, l’ISEE e la tipologia dell’auto. Questo vale per esempio per chi ha:

  • una disabilità grave ed è proprietario dell’automobile
  • in caso di problematiche psichiche che hanno comportato l’accompagnamento
  • cecità e sordità assolute
  • pluriamputazioni
  • ridotte o impedite capacità motorie.

Dunque avere una percentuale anche alta di invalidità, ma non rientrare in queste misure, non significa automaticamente che si può essere esenti dal versamento del bollo auto. Così come non scatta l’agevolazione se l’ISEE è particolarmente corposo – e dunque significa essere ricchi abbastanza da poter pagare la tassa – o nel caso in cui il disabile proprietario del veicolo avesse un macchinone con un motore particolarmente potete, trattandosi dunque di un vezzo oltre che un veicolo per esigenza. Ma considerando che è difficile tale scenario, almeno il secondo, è più verosimile che se vi sia l’invalidità di base per accedere all’agevolazione può essere a tutti gli effetti l’esenzione finale per evitare di versare la cifra annuale.

Impostazioni privacy